L'ultimo Cavaliere.




Allorquando il sentimento s'avvinse alla purezza, 
e il desiderio fu scevro dall'inganno, 
quel cuore conobbe l'(A)more, ed erudito divenne scrigno. 

Tra fremiti slacciati e languidi, 
il cavaliere le si sedette accanto, 
e calata la notte, 

ella lo rese dotto, 
e dalla gioia poi, il pianto... 



M.
(L'uomo dei difetti...)


[Post Scriptum]
   Spesso mi è stato domandato del perché io utilizzassi in talune occasioni le parentesi tonde.
L'arcano è presto svelato. Si tratta di una notazione che chiamo: Notazione parentetica
Un vezzo per taluni. Di grande enfasi, per me. Le parentesi tonde vanno considerate alla stregua di due BRACCIA FORTI e allo stesso tempo DELICATE che PROTEGGONO l'oggetto del loro abbraccio.    Scelsi questa notazione molto tempo fa per argomentare la differenza, a mio avviso, in essere, tra (A)micizia e (a)micizia; ne venne altresì fuori una "interessante" riflessione. Fondamentalmente serve per dar enfasi ad una parola o concetto. Per inciso: "(S)plendido" è un po' come dire "splendido", ma con l'aggiunta di un sentimento ovvero di vera partecipazione. E così l'abbraccio è dissimile dall'(A)bbraccio. Perché dentro un (A)bbraccio, ci può essere un mondo che neanche il classico amore saprebbe come raccontare.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutto inizia. Il meglio finisce. Perché mai diventi il peggio.

Zagara.

Il carbone, e la befana.