Pagine

sabato 27 febbraio 2016

L'ultimo Cavaliere.




Allorquando il sentimento s'avvinse alla purezza 
e il desiderio fu scevro dall'inganno, 
quel cuore conobbe l'amore

ed erudito divenne scrigno. 

Tra fremiti slacciati e languidi 
il cavaliere le si sedette accanto. 
Calata la notte, 

ella lo rese dotto 
e dalla gioia poi,

il pianto. 


M.

(L'uomo dei difetti...)

giovedì 11 febbraio 2016

L'uomo che non c'era.



   Trova tre persone che la vedano come te.
Se ti sarà riuscito di farlo in fretta, allora, esse, a loro volta, ne troveranno altre tre ciascuna che saranno d'accordo con te.
   Prima del tramonto sarete già in tredici.

E così, un ramo avanti l'altro, allorché del pollastro ne udirai il salmodiare.
Prima che l'alba t'avrà intimorito gli occhi, una folla, tutt'intorno, 
t'avrà già accerchiato.
   E tutti la vedranno come te.


Allorquando il granello divenne mucchio,
il mucchio di te fece granello,
e delle tue idee un fascio.


   Non più l'uno sarà difforme dall'altro.
   Quel giorno, tu sarai un uomo comune. 
Ma se ti sarà riuscito difficile trovar anche un sol uno d'accordo con te... Della tua veste scevro, discosto da quel mucchio, più nudo dell'amplesso che t'offusca, all'attività che è fendente, avrai dato vita.
   Quel giorno, tu avrai cominciato a pensare.
Quel giorno, avrai scelto il mito.



M.
(L'uomo dei difetti...)

Le pagine più lette