Pagine

lunedì 4 maggio 2015

Il puro, e l'altero.

Il puro, e l'altero.


Allorquando il passo fu fermo,
del mio uscio il viandante

nudo picchiò il battente,
e sedette al mio umile desco

rinfrancato dall'amore dell'uomo 
e dalla dedizione del buon padre,
preservato.

A colui che annunciato da migliore arroganza
sostasse stizzito dinanzi la soglia,
io dico: che tronfio non s'angusti!

Dacché troverà anch'egli,
certamente, degno ristoro.


Al civico appresso.



M.
(L'uomo dei difetti...)

Nessun commento:

Posta un commento

Dimmi cosa ne pensi!

Le pagine più lette