Il puro, e l'altero.

Il puro, e l'altero.

Allorquando il passo fu fermo,
allorché nudo,
del mio uscio il Viandante picchiò il battente...
E sedette al mio umile desco rinfrancato dall'amore dell'uomo.

Dalla dedizione del buon padre,
preservato.


A colui che annunciato da migliore arroganza
sostasse stizzito dinanzi la soglia...
Io dico che tronfio non s'angusti.

Dacché troverà anch'egli,
certamente,  degno ristoro.


Al civico appresso.


M.
(L'uomo dei difetti...)

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutto inizia. Il meglio finisce. Perché mai diventi il peggio.

Zagara.

Il carbone, e la befana.