IL MIO CAMINO



Non ha occhi un camino.
Eppure, quante volte ha veduto l'ingenua timidezza costituirsi al cospetto del desiderio...
Non ha orecchie un camino.
Eppure, quante volte ha conosciuto i gemiti dell'inconfessabile...
Bagnavo le labbra, chiudevo gli occhi, e fondendo i sensi, penetravo quei sogni che, seppur affannosamente desiderati, la notte, non mi portava in dono.

Se solo il mio camino conservasse memoria storica...

 M.
(L'uomo dei difetti...)

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutto inizia. Il meglio finisce. Perché mai diventi il peggio.

Zagara.

Il carbone, e la befana.